Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

CANTADINA CARTA CANTA

CANTADINA CARTA CANTA

UNA GALLERIA D’ARTE "on the road" nel centro-storico di Genova animata da Simona, visionaria incantatrice, ostinatamente legata alla terra, artista di strada che semina possibilità. A Genova la si può trovare un po ovunque, ma sopratutto in Largo alla Cantadina. Cantastorie, oggi illustratrice, domani chissà!----------------- ILLUSTRAZIONI, ANIMAZIONI, EDITING, LABORATORI, -----------------CONCERTI, DIALETTO, STORIE, LIBRI, GALLINE E ASINELLI.


STORIE DI VERE MONTAGNA. John Seymour Fu Kuoca e manuali GRATIS

Pubblicato da cantadina su 7 Giugno 2021, 10:54am

Tags: #testi, #scaricabile

Oltre le mie  storie vere  troverete anche libri che fanno parte della mia formazione come  LA RIVOLUZIONE DEL FILO DI PAGLIA"  di Fu Kuoca e  John Seymour il Libro della Sopravvivenza con disegni esplicativi perfetti, introvabili, libri antichi interessantissimi sulle galline. oltre che il mio manuale!
di LISTA DEI TESTI CHE TROVERETE  IN QUESTA PAGINA

(non corrisponde esattamente alla sequenza in cui vengono ora citati)

Due testi  con foto bellissime! SU GALLINE, POLLI E POLLAI del 1920 :

  • Illustrated_Poultry_Primer.pdf
  • Incubation_of_hens_eggs.pdf

SU GALLINE, POLLI E POLLA

  • Manuale allevamento galline (di simona ugolotti) (PERSONAL-EDIT)
  • AVICOLTURA PRATICA Di Luigi Pochini Trasposizione ad E-book a cura di http://www.oryctes.com/
  • Pollicolturapadovana1934.pdf
  • Avicoltura Pratica, II ed., 1905, di Luigi Pochini.

ALTRO

  • La Rivoluzione Del Filo Di Paglia - Masanobu Fukuoka.pd
  • Artusi ricette.pdf IL PIÙ FAMOSO LIBRO DI RICETTE
  • QUADERNETTI POETICI DI ROBERTO MARZANO
  • LE PAURE DI ARLECCHINO (favola...con la canzone che stai ascoltando)
  • Libretto colora e impara sulle API - (di simona ugolotti)

ARTICOLI/PUBBLICAZIONI DI SIMONA UGOLOTTI

RACCONTI E PUBBLICAZIONI DI SIMONA UGOLOTTI

  • IMPRONTE FRESCHE pubblicato su un testo con altri racconti in seguito alla partecipazione al concorso 2017 (Parole di terra DI PENTAGORA) ---RACCONTI DI TERRA (ed. Un sedicesimo, narrazioni)
  • GEMELLE BINELLE(pubblicato sui quadernetti poetici di R.Marzano e sul sito di Manuela)
  • LE PAURE DI ARLECCHINO (favola. PERSONAL-EDIT)
  • Libretto colora e impara sulle API - (di simona ugolotti)
  • PRIGIONE BOLLENTE (pubblicato sui quadernetti poetici DI ROBERTO MARZANO)
  • QUINTE DI BIMBA un mio racconto di quando facevo teatro con il mio papà
   

 

PAGINA AGGIORNATA SPESSO  CON NOVITÀ IN PREPARAZIONE!

OLTRE A I MIEI RACCONTI,  ARTICOLI PUBBLICATI,  MANUALI,  POTRETE TROVARE  TESTI ANTICHI SU GALLINE, E IL FAMOSO LIBRO DI FUKUOKA, LIBRI E RACCONTI DI AMICI  INFO VARIE.

MOLTI IN FORMATO PDF

"IMPRONTE FRESCHE"  è un mio racconto   risultato tra i segnalati al  Premio nazionale di letteratura rurale “Parole di Terra” 2017

Racconti di terra -2017 ed stampato da Delfino& Enrile editori in Savona

 

Il libro su cui è stato pubblicato il mio racconto non è più in vendita, ma un pezzetto da me scelto intitolato "BRUNA" è stato pubblicato sul Blog di Penagora con tanti altri bellissimi racconti...un giro tra storie sincere come la terra. "IMPRONTE FRESCHE " intero POTETE LEGGERE SOTTO O SCARICARE IL PDF

IMPRONTE FRESCHE -racconto di S.Ugoltti- segnalati al Premio nazionale “Parole di Terra” 2017

Se desideri scaricare il PDF del Manuale di come si allevano le galline completo eccolo, ma e se desideri sfogliare il libro e portartelo in tasca mentre costruisci il pollaio al costo di 10.00 euro lo posso spedire (rilegato a amano)

MANUALE PER GALLINE E CONTADINE RUSPANTI LIBERE E FELICI NUOVA EDIZIONE

 

JOHN SEYMOUR The Complete Book of Self-Sufficiency  PER UNA VITA MIGLIORE  IL LIBRO DELLA AUTOSUFFICIENZA
CLICCA SULLA FOTO PER SCARICARE IL BOOK

 John Seymour (12 June 1914 – 14 September 2004) was a prolific early author in the self-sufficiency movement. He had multiple roles as a writer, broadcaster, environmentalist, agrarian, smallholder and activist; a rebel against: consumerism, industrialisation, genetically modified organisms, cities, motor cars; an advocate for: self-reliance, personal responsibility, self-sufficiency, conviviality (food, drink, dancing and singing), gardening, caring for the Earth and for the soil.

-wikipedia-

scarica gratis libri rilegati a mano
clicca sulla foto e acquista a 10.00 euro

E una favola, una storia che parla di mostri e di amicizia, induce ad un buon comportamento sulla gestine dei rifiuti, e a tutto quello che mangiamo che riguarda noi e l'ambinte, la terra con tuttii suoi colori.

è possibie acquistare il libro rilegato a mano con il CD  cliccando sull'immagine oppure scaricare il PDF dal post appena qui sotto

scarica il libro in formato PDF gratuitamnte

Quinte di bimba (racconto)

 

...Dopo aver letto questo breve elenco dei suoi
"ricordi", quasi automaticamente è venuta anche
a me la voglia di raccontare la mia "attività"
dietro quelle quinte, a quelle quinte più profonde
e fantasiose di bimba e poi anche di quelle
emotive: finché stai dietro alle quinte, hai solo
paura.
In casa nostra, trovare la sala d'entrata
trasformata in una piazza o in una cucina, tutto
finto, di scena, pareva fatta per noi bimbi perché
finta; ho colorato di verde quelle cassette della
frutta diventate persiane e ho subito imparato che
nulla si crea e tutto si trasforma che per noi
genovesi equivale a dire: «Non si caccia via
niente... può sempre venirti bene.»
Ho visto risolvere l'impossibile prendendo quel
“coso” strano dentro a quella cassetta di tante
“cose” strane... guai a toccarle.

Andare con il
papà, nel suo furgoncino, era un gran
divertimento perché con mio fratello ci
infilava tra le quinte. Costruire una nicchia di
ossigeno tra le tavole e mettere qualche coperta
affinché il sedere non patisse il lungo viaggio per
noi era un gesto d'amore. Certo! perché riusciva a
trovare il modo di portarci a vivere questa grande
avventura! roba che oggi, come minimo, gli
toglierebbero la patente. Era bello perché
mangiare in quelle tavolate da festa dell'Unità,
per noi era come andare al ristorante.
Appena arrivati il papà beveva per riprendersi dal
viaggio, e a noi toccava minimo minimo il gelato
se non già le frittelle, poi cominciava la scuola di
imprecazioni, cioè cominciava il montaggio delle
quinte... per un po' cercavamo di renderci utili,
ma in realtà peggioravamo la situazione e,
quando le imprecazioni si facevano più pesantemente
colorate... sì, era meglio andarsene...
Che bellezza liberi dal controllo degli adulti:
scorrazzavamo per la festa o sagra che sia
trovando nuovi amici.
Ad un certo punto arrivavano tutti gli attori,
all'inizio tranquilli quasi spavaldi scherzavano
con noi poi piano piano la tensione saliva...
qualcuno, discutendo, quasi arrivava al litigio; e
anche qui era meglio andarsene di nuovo.
Seduti sulla nostra postazione pronti ad attendere
l'inizio ci sentivamo friggere perché già avevamo
respirato tutta la tensione del “prima di
cominciare”.
Appena finalmente iniziava la commedia,
passava il friggimento e cominciava il
divertimento.
Noi le commedie le sapevamo tutte a memoria!
Quindi aspettavamo l'errore: vederli arrampicarsi
per trovare una soluzione a me divertiva un
sacco, vedere gli adulti in trappola soddisfa la
parte sadica di ogni bimbo. Sapere le loro parti a
memoria era anche strumento per prendere in
giro gli attori che per noi erano solo gli amici di
mio padre, non attori, quello di salire sul palco
era solo il gioco dei grandi. La vittima preferita fu
la figlia della Rosetta... ancora adesso ogni tanto
capita di ricordarla recitando ancora la sua
parte: “orriæ savéi perché sce i giornaletti che a-e
figge comme mì fan sempre lëze... gne gne gne
gne...”
C'era un altro “patire” che è solo del bambino: per
me vedere mio padre che litigava sul palco perché
era nella parte, mi faceva soffrire, mi sembrava
arrabbiato veramente.
Piano piano negli anni è toccato pure a me salire
sul palco e per mia fortuna solo per cantare,
anche perché se ne stava approfittando del fatto
che io cominciassi a suonare la chitarra, e non
ricordo nessuna paura a cantare canzoni tipo
“Gorizia”. Canzone di guerra certamente non
adatta ad una bambina, ma io avevo capito
perfettamente cosa stavo cantando e quindi lo
facevo con la massima serietà; ho percepito
subito le vibrazioni delle emozioni che rimbalzano
tra pubblico e voce ed ancora oggi vado sempre a
ricercarla affinché la magia avvenga.
Dopo una lunga pausa di più di 20 anni, il papà
a sorpresa risale sul palco e rifà tutte le vecchie
commedie con altre compagnie, ma per me
nessuna reggeva il confronto con la prima, fino a
quando non crea la Compagnia del Teatro
Ruspante dove si respira la cara vecchia aria di
amicizia tra gioie e dolori e se le riadatta alle
nuove figure. Ora la mia parte entra in gioco per
fare le musiche ai suoi testi, le faccio e le canto ed
ora con me c'è anche mia sorella Greta, che non
era ancora in vita al primo round.
Insieme abbiamo preparato la nostra parte per la
commedia più amata anche dai vecchi amici che
tornano sul palco con mio padre come il caro
vecchio Elvidio, sempre nella sua parte di nonno
nella commedia “Tanto pe no scordäse”; vi
assicuro che tutto era vissuto con grande
emozione e rispetto per questo testo che ricorda
che la guerra non è bella!
Ecco, la sfortuna di cantare è che ti tocca sempre
cominciare e quindi ora tocca a me!
Una volta arrivai tanto in ritardo che mi
dimenticai la cinghia per la chitarra, quindi per
l'arte del “tapullo” con una corda cominciai
appunto a “tapullare” ma intanto la chitarra era
scordata e il papà all'ultimo momento mi propone
di partire dal fondo della sala, cantando per poi
salire sul palco e scomparire dietro le quinte... ma
intanto la chitarra era scordata ed io tanto agitata
da non riuscire  ad accordarla in tempo,
nemmeno mia sorella accorsa ad aiutarmi riesce
ad accordarla quindi è tardi tutti son pronti:
ormai devo andare! Si va in scena!
Allora escogito la soluzione di mettermi la
chitarra sulle spalle alla cow boy e con
disinvoltura cammino cantando nei corridoi tra il
pubblico come se nulla fosse, ma a tradirmi, c'è
una lunga corda attaccata alla chitarra che vedo
solo alla fine, quella corda che mi doveva servire
per fare la cinghia me la dimenticai e appena
svoltai dietro alle tende la vidi e cominciai a
tirarmela su. La trascinai lungo tutto il teatro...
come una coda! Tra il pubblico si sentiva
ridacchiare.
Ora torno bambina e vado tra i professionisti,
dove mio padre aveva la sua parte da narratore,
narratore e traduttore: aveva tradotto in dialetto
genovese la “Histoir du surdat”, sentii per la
prima volta parlare del regista e ne ricordo
ancora il nome da quanto si capiva l'importanza e
la fama di questo regista, ma la meraviglia è che
c'erano orchestra e ballerini! Noi bimbi potevamo
girare, bastava non rompere le scatole, le prove si
facevano dentro un capannone gigante, c'era
spazio per tutti ed anche altri avevano dei figli da
piazzare! Stavamo incantati a sentire l'orchestra
quasi più ipnotizzati da quell'oggetto misterioso
che era il metronomo che dalla musica, anche se
sortiva un certo effetto sentire la potenza del
violino: come poteva un oggetto così piccolo fare
tanto rumore solo sfregando un bastone su delle
corde? E vedere i ballerini ballare senza musica?
Con quei colpi sordi dati dai piedi sul palco. In
effetti con la musica non si sente tutto quel
baccano! Che i ballerini fossero leggeri come si
vedevano in TV per noi non era già più vero. Poi
c'è sempre il cattivo cioè colui che di istinto i
bambini temono... e questo era un grossone con
tanto di baffoni, era l'addetto alla ruota. Lui con
una corda doveva far girare un enorme cerchio
che a sua volta girava sul palco, per far girare
sopra i ballerini, era una cosa pesantissima e
questo omone faticava molto. Ovvio che uno così,
lo sanno anche i bambini, è meglio farselo amico.
Ed io abile nel fare amicizie, in un momento di
pausa, con il palco vuoto, andai nella postazione
di quell'omone. Vidi la corda e la presi in mano...
era durissima, mi concentrai tanto con uno sforzo
di volontà oltre che di braccia che riuscii a farla
muovere, ed una volta partita riuscii a farla girare
tra lo stupore di tutti... in quella occasione
divenni una leggenda: una bambina
straordinaria-mente forte! Per tutta la mia vita
rimasi una donna straordinariamente forte!
L'omone coi baffi divenne amico, anche se lo
prendevano in giro per l'accaduto.
Il teatro fu il modo di mio padre per raccontare
una memoria, la memoria della sua vita, che era
anche quella di un popolo: la guerra, il lavoro, la
casa, la coppia, la famiglia, Genova e il suo
dialetto. Un teatro di dura denuncia a momenti
drammatica, perché reale, ma anche su tutto
ironizzava per i suoi paradossi, potevi ridere della
fatica del lavoro, come dei dolori della guerra,
perché nella vita per poter sopportare gli abusi e
i soprusi quotidiani ci tocca imparare a riderci
sopra e a vederci, ahimè, il suo lato positivo. La
lotta con la piazza oltre che utile è anche
divertente! Questo l'ho imparato subito: infatti
oggi, dopo 20 anni di dura vita in campagna, ho
fatto la contadina, ora sono anch'io a cantare e a
far spettacoli in giro e racconto della guerra, del
lavoro, la casa, la coppia, la famiglia, di Genova e
il suo dialetto. Un teatro di dura denuncia e a
momenti drammatico perché reale, su tutto
ironizzo, rido della fatica del lavoro, e dei dolori
della guerra, perché nella vita, per poter
sopportare gli abusi e i soprusi quotidiani, mi è
toccato imparare a riderci sopra e a vederci,
ahimè, il lato positivo, e nelle piazze con tanti
giovani amici pieni di rabbia riusciamo a divertirci
e a unirci nonostante tutto!

TITOLI COMMEDIE E BREVE DESCRIZIONE A QUESTO LINK

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post

Rosa Roncallo 03/30/2021 08:17

Sei uno spasso! leggerti è veramente divertente, un punto di vista inaspettato! e in queste giornate leggere qualcosa di diverso è quello che ci vuole
Rosa